Dig stagione 1

Si è conclusa quella che dovrebbe essere l'unica stagione di Dig, un serie piena di misteri ma anche di esagerazioni, partita male, cresciuta bene ma conclusa malamente. Vi racconto un paio di impressioni. Mi raccomando, se decidete di proseguire, attenzione agli spoiler che potrebbero esserci, siete avvisati!

Se vi state chiedendo perchè mi sia messo a vedere Dig la risposta è semplice, sono stato attirato dal nome dei creatori, Gideon Raff (l’inventore di Prisoners of War da cui è stata tratta Homeland) e da Tim Kring (Heroes vi dice niente?), purtroppo però i nomi non sono sempre garanzia di qualità e Dig è qui a dimostrarlo. La serie parte con grandi premesse ma subito dal pilot ci si rende conto che probabilmente ci troviamo di fronte alla classica "Corazzata Potemkin", un modo gentile per dire #a#ata pazzesca, l'alto numero di misteri però finisce per incuriosire ed impedisce di abbandonare la visione.
Ed il punto di forza della serie è proprio questo, il continuo inserimento di misteri su misteri e situazioni su situazioni finisce per intrigare, se prese separatamente la maggior parte non ha alcun senso, ma messe assieme con un buon ritmo finiscono per distrarre lo spettatore dalle evidenti, e numerose, forzature per farlo divertire.
Con l'avanzare degli episodi infatti la serie finisce per prendere e migliorare, sempre che si chuida un occhio su forzature e difetti, grazie anche ad alcune ambientazioni coinvolgenti, il problema però è che prima o poi i nodi devono venire al pettine e si finisce per scontrarsi con il difetto della maggior parte di questo genere di serie tv. Quando basi tutta una serie su aprire innumerevoli storyline ed inserendo misteri a manciate, prima o poi devi arrivare ad un dunque e cominciare a riannodare i fili per arrivare ad un conclusione, quasi sempre questo viene fatto in un frettoloso finale che risponde a pochissime domande e lo fa malamente. Dig non è esente da questo difetto, rispetto ad altre serie ha la fortuna di essere una sola stagione di dieci episodi, non potendo perciò accumulare stagioni e stagioni di domande senza risposta, ma la sfortuna, se così si può chiamarla, di chiudere tutto molto velocemente, troppo, lasciando molte domande e infarcendo il tutto di tantissime forzature.
Insomma alla fine non posso parlare di delusione, pur essendo attirato dai creatori le aspettative non erano molto alte, ed in fondo la serie per alcuni tratti mi ha anche divertito. Di certo non mi sento di consigliarla caldamente, se non forse a chi è appassionato del genere e ama le serie con una marea di misteri.

INFORMATIVA

Questo sito NON fa uso di cookies di profilazione, ma utilizza cookies di terze parti (social share e google analytics).
Cliccando su “accedi al sito” si presta il consenso all’utilizzo dei cookies di terze parti.