Avengers Age Of Ultron

Sono stato al cinema a vedere Avengers Age Of Ultron, il sequel colossale della Marvel segue le orme del primo Avengers ma, pur alzando l'asticella, fatica a mantenere quell'equlibrio che aveva reso il primo capitolo un classico, vi racconto perchè. Mi raccomando, se decidete di proseguire, attenzione agli spoiler che potrebbero esserci, siete avvisati!

Non deve essere stato facile per la Marvel, dopo il successo planetario del primo Avengers, e di tutti i film che l'hanno seguito nella fase 2, si sono trovati a dover alzare l'asticella e superare un film vicino alla pefezione di genere. Oltre a questo il nuovo Avengers aveva il difficile compito di chiudere alcune storyline della fase due per fare da ponte alla nuova fase e, possibilmente, legarsi anche alla serie TV Agents of Shield, un lavoro immane da realizzare e che infatti è riuscito solo in parte finendo per fallire in più di un punto.
Lo dico subito, Avengers Age Of Ultron non regge il confronto con il The Avengers del 2012, gli ingredienti che compongono i due film sono esattamente gli stessi, personaggi iconici, azione a badilate, battute taglienti ed effetti speciali da strabuzzare gli occhi, ma i dosaggi sono sbagliati ed il risultato finale ha un sapore decisamente meno sensazionale della "vecchia" infornata.
Partiamo dall'ambientazione, nel 2012 gli Avengers si erano trovati a combattere un epica battaglia aliena nel cuore di New York, pur essendo loro al centro dell'attenzione, le persone che abitano la grande città americana erano ben presenti nelle scene d'azione e la sensazione di pericolo era molto forte, qui i nostri eroi si trovano a dover salvare una piccola città montana russa (ricreata in Val D'Aosta) e pur se questa viene utilizzata come un asteroide da far cadere sulla terra mettendo fine alla razza umana, la battaglia sembra lontana, quasi come se non ci riguardasse direttamente e fosse combattuta su un altro pianeta, per certi versi mi ha ricordato gli ultimi Transformers in cui le scene erano bellissime ma si faticava a percepire l'oppressione e la paura per la possibile fine del mondo.
Un altro grosso problema del film è la gestione dei personaggi, far funzionare tutti questi famosi eroi nel tempo ristretto di un film è un impresa difficile, già il primo The Avengers aveva mostrato qualche piccolo scricchioli, lasciando un pò in secondo piano Vedova Nera ed Occhio di Falco, a cui si è cercato di rimediare in questa pellicola, ma in questo caso sono in pochi ad uscirne bene. Paradossalmente sono proprio i personaggi un pò trascurati nel primo film a fare la più bella figura, Occhio di Falco finisce per spiccare su tutti, rappresentato per quello che è, un uomo senza superpoteri ma scaltro, veloce e con un cuore enorme risulta porotagonista in molte scene e finisce addirittura per guadagnarsi due parentesi nella sua famiglia che fanno capire ancora di più la caratura del personaggio. A brillare dietro di lui sono Vedova Nera ed Hulk, dolci e quasi impacciati nel loro rapporto sono bellissimi da vedere e funzionano dannatamente bene. (Per dovere di cronaca nei fumetti, che io sappia, non c'è mai stato niente tra Hulk e Vedova Nera che invece è stata sposta con Occhio di Falco) L'omone verde rimane poi punto di forza di entrambe le pellicole perchè quando Bruce Banner si arrabbia, diventa verde ed inizia a spaccare i film salgono subito di livello regalandoci scene epiche come la scazzottata tra IronMan e, per l'appunto, Hulk.
Questa attenzione lascia però un pochino in secondo piano IronMan, Capitan America e Thor, una scelta in parte sensata visto che hanno avuto, e avranno, film a loro dedicati ma che risulta gestita male, come se al montaggio fosse stata calata la scura dei tagli senza troppo riguardo, una sensazione che si ha per tutto il film, e che raggiunge l'apice nella scena di Thor in un misterioso bagno rigeneratore di cui non si capiscono bene i motivi.
Ma a stonare completamente sono le new entry, tutte, Ultron, il cattivone di turno, risulta diabolico ma spesso inutilmente prolisso e filosofico e non sembra riuscito fino in fondo. Viene creato, quasi per errore, da Stark (per la cronaca nei fumetti viene creato da Hank Pym che a breve vedermo in un film dedicato) e da subito travisa il suo compito di proteggere il mondo rivoltandosi contro il suo creatore e l'umanità intera. Il suo nome appare addirittura nel titolo ma fatica a risultare minaccioso come dovrebbe, in un attimo riesce quasi a distruggere Jarvis e ci viene più volte ripetuto che è infiltrato in tutta internet ma, di fatto, non sfrutta mai questo "potere" per rivoltare qualsiasi cosa sia controllata informaticamente contro gli Avengers e per eliminarlo pare basti eliminare tutti i robot da lui creati... ma non si era infiltrato in tutta internet? E' stato il redivivo Jarvis ad estirparlo da lì? Non sarà sfuggito qualche "pezzetto"? Scarlett e Quicksilver vengono caricati d'odio verso Stark con un facile espediente salvo poi cambiare velocemente bandiera davanti alla follia di Ultron. Dei nuovi personaggi risulta decisamente maltrattato Quicksilver a cui viene dato veramente pochissimo spazio per essere poi velocemente liquidato e ucciso e che, salvo ripensamenti e colpi di scena dell'ultima ora, rimarrà morto. Del resto il finale parla chiaro, non è presente nel nuovo gruppo dove invece compare la sorella, ed è l'unico indizio perchè dopo aver visto il corpo crivellato di colpi semplicemente sparisce di scena senza che se ne faccia più cenno. Malriuscita anche Scarlet, personaggio complesso, combattutto e dai poteri devastanti, almeno nel fumetto, perchè nel film queste cose si percepiscono appena e fatica ad essere credibile. Infine c'è Visione, un personaggio dalle potenzialità infinite, gestito solo a tratti dalla sceneggiatura e con una genesi un pò raffazonata e poco chiara, secondo me chi non ha familiarità coi fumetti farà fatica a capirlo.
Se avrete letto fin qui vi potrà sembrare che stia completamente stroncando questo film, non è così, perchè Avengers Age Of Ultron resta intrattenimento allo stato puro tanto che, quando sono partiti i titoli di coda, la prima cosa a cui ho pensato è stato "già finito?" perchè ne avrei voluto ancora ed ancora e di vedere personaggi amati in carne ed ossa non si riesce mai ad averne abbastanza. Alcuni passaggi poi sono davvero ben riusciti, la già citata battaglia tra Hulk ed IronMan dotato di Hulkbuster, le varie interazioni tra Hulk e Vedova nera o la deliziosa gag sul martello di Thor... il suo sguardo quando Capitan America riesce a spostarlo leggermente vale da solo il prezzo del biglietto.
Infine resta un tassello fondamentale per l'evoluzione del mondo Marvel su schermo, non tanto per lo scioglimento degli Avengers alla fine del film (che sembrano perdere IronMan, Thor ed Hulk) con la creazione di un nuovo gruppo (di cui fanno parte Scarlet e Visione) quanto perchè è evidente come Ultron sia stato il mezzo per cominciare a dividere Iron Man e Capitan America e gettare il seme per la registrazione dei supereroi che dividerà i due fino a portare alla civil war. E' invece restata completamente esculsa la serie Agents of Shield, è sicuro che nei prossimi due episodi ci saranno dei collegamenti al film (in america i due episodi sono andati in onda a cavallo della pellicola, in italia però il film è uscito prima e nel momento in cui scrivo i due episodi non sono ancora usciti) ma nel film non si fa nessuno accenno alle divergenze tra Shield e "vero" Shield, gli Avengers sembrano un organizzazione a parte tanto che quando compaiono Fury e l'agente Hill mi sono subito chiesto in che contesto inserirli.
In conclusione, questo secondo Avengers mi è piacuto, ma non posso fare a meno di trovare dei difetti evidenti e pensare che forse è stata messa troppa carne al fuoco che, combinata con un montaggio riuscito solo a tratti, ha finito per lasciarmi un pò di amaro in bocca.
P.S. Una scena post-credits c'è, anche se non è in fondo ma dopo pochi titoli di coda, e ha come protagonista Thanos, ancora, la mia ragazza mi ha giustamente fatto notare che continuiamo a vederlo in queste scenette ma ancora non sappiamo quando lo vedremo veramente. Io penso che alla Marvel stiano correndo un grosso rischio, perchè continuare a far apparire Thanos crea un aspettativa mostruosa che dovrà poi essere soddisfatta e fa pensare che sarà un personaggio fondamentale che potrebbe unire diversi mondi in un epica guerra che a questo punto non potrà essere liquidata velocemente... insomma si sta montando a dismisura il pubblico aumentando tantissimo il rischio di fallire miseramente.

INFORMATIVA

Questo sito NON fa uso di cookies di profilazione, ma utilizza cookies di terze parti (social share e google analytics).
Cliccando su “accedi al sito” si presta il consenso all’utilizzo dei cookies di terze parti.